Auto elettrica, why not?

Auto Elettrica

Sempre più spesso si parla di risparmio energetico sottola chiave del protezionismo ambientale che ci vede tutti come vittime/carnefici della distruzione dell’ambiente. Anche il settore dei trasporti, in particolare quello diffusissimo dell’automobilismo, sta facendo, o ha in programma di fare la sua parte.

L’auto elettrica, a cui ora si è pensato solo come auto ibrida, offre numerose opportunità, in primis quella della totale assenza di emissioni di anidride carbonica durante il suo utilizzo, contrariamente a quella ad alimentazione da combustibili fossili. Però l’auto non basta.

Come in ogni situazione, a nulla serve un futuristico congegno se non ci sono le adeguate infrastrutture per supportarlo: a cosa servirebbe un frigorifero nel medioevo, visto che non esisteva l’energia elettrica?!

Per questo è sempre più necessario adeguare le infrastrutture anche per adattarle alle nuove evoluzioni tecnologiche. Se si dovesse rimanere “a piedi” a migliaia di chilometri da casa, non basterebbe fermarsi al primo distributore a ri-fare il pieno, non è così che funzionano le auto elettriche; e non potrei nemmeno attaccarmi al primo palo della luce per ricaricare la mia batteria. C’è bisogno sempre più di strutture adeguate, che siano in grado  di provvedere alla ricarica delle batterie agli ioni di litio delle nuove auto, possibilmente con un sistema fast-charging, così da non dover aspettare ore per un “pieno” di elettricità.

Stazioni elettriche da casa sono state prodotte sia dalla ECOtality, Inc. e anche dalla Coulomb Technologies e vengono installate gratuitamente negli States grazie ad un accordo con il Dipartimento che si occupa della promozione del trasporto per via elettrica, in linea con la strategia economico-politica annunciata dal presidente Obama prima dell’insediamento alla Casa Bianca.

Per quello che può riguardare l’Italia, l’auto elettrica rappresenta ancora un’utopica realtà, nell’imperante sistema italico, da troppo tempo ormai, assuefatto al petrolio.

6 Comments

  1. @Facebook 2 agosto 2010
  2. @Facebook 2 agosto 2010
  3. @Facebook 2 agosto 2010
  4. @Facebook 2 agosto 2010
  5. @Facebook 2 agosto 2010
  6. 3nca 2 agosto 2010

Leave a Reply

Vuoi leggere un articolo Premium GRATIS?

RFID: un acronimo mille possibilità