Home
Accesso / Registrazione
 di 

Chip Cortex-A8: ARM sfida Intel

Chip ARM Cortex-A8

Il chip Cortex-A8 di ARM fa concorrenza ad Intel nel mercato del netbook. Velocità e basso cosumo sono i punti di forza del Cortex-A8.


Chip Cortex-A8: velocità e basso consumo

ARM è grande azienda che si sta muovendo in modo silenzioso nel mercato del computer.
Da sempre, il suo settore privilegiato è stato quello dei dispositivi mobili a basso consumo, ma in seguito ha deciso di ampliare i suoi orizzonti al mondo dei netbook e lo ha fatto tramite il suo nuovo chip Cortex-A8.
In una recente intervista, i dirigenti dell'azienda hanno sottolineato il fatto che i processori come l'Intel Atom hanno superato le esigenze del consumatore medio e che nonostante gli sforzi per avere maggiore efficenza e durata delle batterie, i netbook basati su Atom non offrono una lunga durata delle stesse. Al contrario, il chip Cortex-A8 di ARM permette la visualizzazione di ben 6 ore di film o la navigazione di 9 ore in internet senza dover ricorrere all'alimentazione elettrica.
ARM sostiene che il suo chip Cortex-A8 (a 600 MHz e 65 nm) può caricare pagine in meno di 5 secondi; queste prestazioni sono paragonabili a quelle di un Intel Atom a 800 MHz e 45 nm. E promette che il Cortex-A9 sarà in grado di effettuare la stessa operazione in meno di 3 secondi; praticamente più velocemente di un Pentium a 1.6 GHz.

Quello che però porta ARM un passo avanti rispetto alle sue rivali è il fatto che il Cortex-A8, ma in generale tutti i suoi chip, permette una drastica riduzione dei consumi, infatti, rispetto agli altri, riesce a lavorare a temperature più basse nello stesso spazio.

La mossa di Intel contro il Cortex-A8 di ARM

E Intel che cosa sta facendo?
Sicuramente non sta a guardare, soprattutto sul fronte del consumo energetico e presenta Moorestown, nome in codice della seconda generazione della piattaforma Centrino Atom. Esso integra la GPU e il controller della memoria nello stesso chip, mentre l'hub dell'I/O è su un chip separato.
Fino ad ora il mondo dei netbook era dominato dall'Atom di Intel, mentre ora anche ARM con il chip Cortex-A8 si sta facendo strada, anche perchè i suoi chip sono prodotti da 6 importanti aziende: TI, Freescale, Nvidia, Qualcomm, Samsung, e Marvell.
Questa competizione tra le due aziende è sicuramente positiva, in quanto porta ad una diminuzione dei prezzi.

ARM e Windows: un binomio possibile?

Hardware a parte, all'inizio i netbook hanno lottato per sopravvivere in quanto erano equipaggiati con il sistema operativo Linux...ecco perchè oggi sono dotati prevalentemente di Windows XP.
I dirigenti di ARM dicono che non ci sono limitazioni tecniche al fatto che i loro chip supportino Windows, anche se, data la stretta alleanza tra Intel e Microsoft, non sembra che questa loro previsione sia realizzabile in tempi brevi. ARM tuttavia si sta alleando con sviluppatori di software ed è già membro della Google's Open Handset Alliance.

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Andy3

windows

Dall'articolo sembra che il successo di arm sui netbook sia vincolato a windows.
Ma dal 2010 ci gireranno sia google chrome os che google android che ubuntu, e se uno compra un netbook consapevole che ti serve per internet, mail e social network, windows a che ti serve?

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 6 utenti e 98 visitatori collegati.

Ultimi Commenti