Home
Accesso / Registrazione
 di 

Come costruire un caricabatterie per l'iPod

fai da te caricabatterie per l'iPod

Costruisci un caricabatterie da auto per l'iPod o qualsiasi altro dispositivo che si ricarica tramite USB montando un adattatore per auto che emette 5V da una presa USB femmina.

L'USB (Universal Serial Bus) è diventato uno standard non solo per i computer, ma anche per la maggior parte dei gadget e dell'elettronica, che hanno i cavi USB e che permettono loro di connettersi ad un computer. I cavi e le porte USB possono caricare un gran numero di dispositivi. Tuttavia, i viaggiatori ed i conducenti non hanno sempre accesso alle porte USB. Ma un hobbista di elettronica può facilmente montare insieme un semplice caricabatterie per auto USB.

Il caricabatterie è un dispositivo che viene utilizzato per fornire energia ad una batteria (o cella secondaria) ricaricabile. La carica di corrente dipende dalla tecnologia e dalla capacità della batteria che viene ricaricata.

La parte più importante di questo progetto è di assicurarsi che l'uscita dell'adattatore sia tra 4.75 V e 5.25 V altrimenti si rischia di danneggiare il dispositivo. Verificare prima la tensione con un voltmetro.

Il progetto è stato testato solo sull'iPod Nano ma dovrebbe funzionare su tutti i tipi di iPod che si caricano via USB o qualsiasi altro dispositivo che si carica tramite la porta USB e che utilizza una fonte di carica di 5V.

caricabatterie_auto_ipod

L'idea di base è di caricare l'iPod Nano tramite USB mentre si è in macchina. Il costo totale del progetto è molto basso ma ho trovato più interessante il divertimento del fai da te!

In genere, la porta USB fornisce 5V attraverso un unico cavo. La tensione normale di funzionamento per la maggior parte dei dispositivi USB è tra 4,75 V e 5,25 V. Abbiamo bisogno di un caricabatterie per auto con la tensione da 4.75V a 5.25V, un cavo di estensione USB tipo A/A M/F, un connettore dock, un voltmetro, un saldatore e delle forbici (o meglio delle tronchesine).

Utilizzando il voltmetro, verificate se il vostro caricatore da auto ha una tensione di uscita da 4.75V a 5.25V. Tagliate il pezzo che si inserisce nel telefonino (che è spento). Tagliate il cavo verde e bianco perché ci interessa solo il nero e il rosso. Saldate rosso a rosso e nero al nero :-)

Non è poi cosi difficile realizzare un caricabatterie da auto per ipod o per qualsiasi altro dispositivo che si carica tramite porta USB, vero?

La guida passo-passo per costruire un caricabatterie per l'iPod

    1. Verificare che l'adattatore per auto abbia una tensione di uscita da 4.75V a 5.25V, (utilizzare il voltmetro)
    2. Staccare e tagliare la parte che si collega al telefono cellulare. Togliere il rivestimento dei fili per trovare i fili rosso e nero.
    3. Tagliare la femmina dell'USB lasciando circa 8 centimetri o giù di lì per fare spazio a errori
    4. Togliere il rivestimento del cavo USB per arrivare ai 4 fili. Interessano solo quello rosso e nero, quindi tagliare il cavo verde e bianco
    5. Preparare i fili per la lavorazione con il tubo termorestringente.
    6. Saldare rosso con rosso e nero con nero e copriteli per non fare cortocircuito
    7. Attaccare l'accendisigari e verificate la tensione. I pin-out necessari si trovano qui http://pinouts.ru/data/USB_pinout.shtml
    Se tutto procede correttamente, collegare l'iPod e... via al caricamento dell'ipod!

Se vi trovate bene con questo tipo di caricamento ma volete usare un cavo Firewire, utilizzate un adattatore che ha una tensione di uscita da 12V.

Altri "hacks" dell'iPod:
Come trasformare l'iPod Touch in un iPhone

Controllare l'iPod con un Atmel Mega32

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Edi82

Ci dovrei provare, iniziando

Ci dovrei provare, iniziando a mettere in pratica quanto studiato qui su EMC!

ritratto di Giuseppe80

6 V

Bel progetto. secondo voi è possibile partire da 6 V (4 batterie aa)e creare un riduttore che funzioni anche da caricabatteria?

ritratto di Emanuele

Batteria caricabatteria?

Date le potenze in gioco (basse) potresti usare direttamente i 6V, magari con una R in serie di sicurezza e verificando che poi in realtà non hai proprio 6V, ma un po di meno...

Certo una batteria che fa da caricabatteria.... fa un po strano!

ritratto di linus

in giro

In giro si trovano già con pochi euro dei riduttori di tensione 12V-USB, vista la normativa di unificazione dell'alimentazione dei cellulari.

ritratto di ilDavide

Attenzione....

"Non è poi cosi difficile realizzare un caricabatterie da auto....... o per qualsiasi altro dispositivo che si carica tramite porta USB, vero?"
Sì ma non è stata menzionata quanta corrente il "caricatore", cioè il regolatore-stabilizzatore( perché e questo che è contenuto nel plug maschio per l'accendisigari) debba essere capace di erogare! In un sito dove si parla di elettronica, si dovrebbe stare attenti a questi "dettagli". Per un iPod (non ce l'ho, ma posso ipotizzare) di sicuro basta meno di 1A.... alcuni dispositvi che si ricaricano tramite USB, richiedono di più... il mio Tom Tom arriva quasi a 2A se non di più... Anche se si "ricicla" un vecchio caricatore, ed è in grado di avere ai sui capi 5 Volt nominali, non è detto che vada bene adattandolo ad altri dispositivi: bisogna verificare quanta corrente è in grado di erogare (leggendo sui dati tenici) e, ovviamente, quanta corrente serve per caricare correttamente il dispositivo che andrà collegato. Se ne prendo uno che ricaricava semplici telefoni GSM "di una volta", bisogna stare attenti. Come già detto dall'autore dell'ultimo post, ormai tutti i nuovi cellulari, smartphone ecc... hanno il connettore di ricarica formato USB (mini, micro non ricordo..): quindi ne basta uno per tutti... ma se si va nei supermercati si trovano ancora per diversi modelli, nonostante il plug identico. Forse il fattore discriminante sarà la corrente.. ma io ricarico tranquillamente il mio BlackBerry con il caricatore originale Samsung del telefono della mia ragazza....

ritratto di voltametro

votametro

Per favore, scrivete voltametro o voltometro! Non voltmetro.

ritratto di linus

perchè sbagliare?

E' corretto dire voltmetro ed è può essere ancora ammissibile dire voltometro, non è certamente ammissibile dire voltametro, cosi come è corretto dire ampermetro e può essere ancora ammissibile dire amperometro.

Ogni strumento di misura deve essere composto da l'unità di misura e dall'indicazione postposta metro, così come Wattmetro, cosfimetro, ohmmetro, ecc. ecc.

vedi anche:

CEI EN 60051-2 Strumenti di misura elettrici indicatori analogici ad azione diretta e loro accessori
Parte 2 - Prescrizioni particolari per gli ampermetri ed i voltmetri

ritratto di Marco82

Standard USB

Salve, se non ricordo male lo standard USB non permette ad una sorgente di erogare più di un certo quantitavo di corrente se prima non c'è stato uno scambio di informazioni sul bus dati dove il dispositivo richiede di avere più energia in slot.
So che questi limiti sono stati variati nelle varie release dello standard, sicuramente sono stati aumentati ma di sicuro devono essere controllati. Credo che un dispositivo del genere che non dispone del bus dati e quindi di logica interna debba avere una limitazione conforme allo standard. Qualcuno può confermare? So che per queste motivazioni molti dispositivi non funzionano affatto con regolatori che non sono conformi.

ritratto di Alex123

tutto ok, allo stesso modo

tutto ok, allo stesso modo ricarico il mio lettore mp3 da un carica cellulare un pò datato (da 3 anni a questa parte) , a ciò che ha scritto Ionela aggiungerei soltanto di prestare la massima attenzione al collegamento dei fili di alimentazione perchè se il dispositivo non ha qualche forma di protezione contro i cortocircuiti si rompe in maniera irreversibile. Dato che il progetto non assorbe energia da un pc (host) non ha senso parlare di scambio dati su bus o altro

ritratto di P-ztan

è una questione di voltmetro!

è una questione di voltmetro!

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti