Home
Accesso / Registrazione
 di 

Embedded GNU/Linux partendo da zero: test sulla Raspberry Pi

Embedded GNU/Linux partendo da zero: Raspberry Pi

Continua la serie di articoli "Embedded GNU/Linux partendo da zero" con una prova pratica di quanto abbiamo visto nelle puntate precedenti: questa volta vedremo come creare una distro minimale e funzionante sulla Raspberry Pi partendo completamente da zero.

Contenuto esclusivo per gli ABBONATI PLATINUM di Elettronica Open Source.

Leggi subito tutto l'articolo e poi ricevilo in PDF all'interno di EOS-Book insieme a tanti altri vantaggi offerti dall'Abbonamento Platinum! Diventa Utente PLATINUM

SCOPRI TUTTI I VANTAGGI DI UN ABBONAMENTO ANNUALE CHE COMPRENDE ANCHE TUTTO L'ARCHIVIO

 

 

 

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Piero Boccadoro

Ottimo, professionale ed esaustivo come sempre. Posso chieder

Ottimo, professionale ed esaustivo come sempre.
Posso chiederti un consiglio/un parere?
Se tu dovessi eliminare qualcosa dalla distribuzione Raspian, cosa elimineresti?
Secondo te esiste qualcosa in particolare che la appensantisce o la rende meno snella?

ritratto di Emanuele

Dopo teoria e simulazioni, passiamo a mettere in pratica gli ins

Dopo teoria e simulazioni, passiamo a mettere in pratica gli insegnamenti di Arighi e quale piattaforma hardware da utilizzare se non la board del momento? Raspberry PI ovviamente!

ritratto di Franco78

Era esattamente quello che stavo cercando!

Era esattamente quello che stavo cercando!

ritratto di Emanuele

Bene :) Anche alcuni frequentatori del Forum ci avevano ri

Bene :)

Anche alcuni frequentatori del Forum ci avevano richiesto di mettere in pratica le nozioni apprese nel corso su embedded linux e quindi abbiamo deciso di "integrarci" la RasPI

ritratto di Franco78

Ottima idea... E gran bell'inizio :) Avete già un'idea su

Ottima idea...
E gran bell'inizio :)
Avete già un'idea su come proseguire con queste applicazioni?

ritratto di Andrea Righi

Grazie degli apprezzamenti. ;) Per il discorso di alleggerire la

Grazie degli apprezzamenti. ;) Per il discorso di alleggerire la Raspian, beh.. dipende da quali sono le esigenze. In generale l'esigenza tipicamente richiesta in ambito embedded e` di alleggerire una distro per velocizzare i tempi di boot. A volte basta banalmente dare un'occhiata ai servizi che vengono avviati al boot in /etc/init.d/ (es. puo` essere fatto partire il server X anche quando si usa la board esclusivamente da remoto via ssh, o cose del genere). Un altro cambiamento che sarebbe interessante testare e` di utilizzare un altro filesystem per il rootfs. Raspbian usa ext4, un filesystem solido e affidabile, ma l'overhead del journal in certi casi potrebbe essere evitato. Es. alcune board adottano CRAMFS per il root filesystem (un filesystem read-only) + dati modificabili (/home, /etc, /var/log, etc.) su tmpfs (un filesystem in RAM), o ext2. Sicuramente questa sarebbe una soluzione piu` leggera e performante rispetto ad avere tutto su ext4. Ultimo aspetto, che tra l'altro e` il piu` importante di tutti, per ottimizzare bisogna prima misurare! Idea per un prossimo articolo: come misurare il boot in Linux su una board embedded e valutare dove si spende piu` tempo. ;)

ritratto di ufo.naviar

Bellissimo articolo! Spero di metterlo in pratica presto ...

Bellissimo articolo! Spero di metterlo in pratica presto ...

ritratto di Piero Boccadoro

Ecco, riprendo quanto avevamo detto in un commento sul forum. br

Ecco, riprendo quanto avevamo detto in un commento sul forum.
Nel perfetto spirito del Web 2.0, i contenuti di questo corso si vanno definendo… :)
La tua mi sembra un'idea perfetta per il prossimo articolo. :)
Oserei dire, buon lavoro ;)

PS: grazie per i suggerimenti ;)

ritratto di fgiava

Provato a seguire le indicazioni dell'articolo per compilare il

Provato a seguire le indicazioni dell'articolo per compilare il kernel per il Raspberry; tutto è filato liscio e in un paio d'ore il RPi ha fatto il suo boot. Bisogna solo porre attenzione alla struttura delle directory, in particolare quando si fanno le installazioni in 'tmp' si deve specificare un path completo. Forse nell'articolo è andato perso il carattere tilde '~' che specifica la 'Home' della macchina su cui si sta operando. Quindi il path corretto è sempre ~/tmp/ Sulla tastiera italiana la tilde si può ottenere con AltGr+ì

Ci si può anche aiutare con l'ottima guida ufficiale che si trova qui:
http://elinux.org/RPi_Kernel_C...

ritratto di Andrea Righi

Grazie per aver testato l'howto e per aver condiviso la tua espe

Grazie per aver testato l'howto e per aver condiviso la tua esperienza! In realta` le directory temporanee specificate nell'articolo sono sempre sotto /tmp (non vedo errori nei path), comunque anche la ~/tmp va bene ugualmente.

ritratto di willygroup

Ottimi articoli

Ottimi articoli, molto chiari. Mi sono stati molto utili per capire meglio il fs di linux.

Peccato solo che ho ucciso il mio RPi qualche giorno fa :(

PS: @arighi ci siamo "incrociati" a Siena durante la mia tesi.

ritratto di willygroup

E' appena risorta la mia RPi

E' appena risorta la mia RPi :)

ritratto di willygroup

Ha funzionato tutto alla

Ha funzionato tutto alla prima prova!

Vorrei approfondire la teoria dietro al boot di Linux (init/montaggio file system etc...) mi consigliate qualche lettura?

ritratto di wil

Ciao e complimenti per il

Ciao e complimenti per il tutorial.

Curiosità: perchè la partizione primaria (quella di boot) deve essere necessariamente vfat?
E' dovuto alla scheda od a cos'altro?

ritratto di Andrea Righi

Esatto, e` un requisito del

Esatto, e` un requisito del primo livello del boot-loader presente nella ROM del SoC. Disponendo di uno spazio piuttosto limitato in ROM tale boot-loader deve necessariamente limitare le proprie funzionalita`. In questo caso e` stato scelto di implementare solo il filesystem VFAT.

ritratto di wil

Ok grazie.

Ok grazie.

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ci sono attualmente 4 utenti e 32 visitatori collegati.

Ultimi Commenti