Home
Accesso / Registrazione
 di 

Per evitare il traffico basterebbe premere un bottone?

Evitare il traffico premendo un bottone

Evitare il traffico nelle ore di punta, e non solo, con la semplice pressione di un bottone è quello che ho sempre sognato, insieme ad altre migliaia di persone, mentre ero ferma, tutte le mattine, sul raccordo all’altezza dell’uscita 23, quella che va verso la via Appia. Chi non è di Roma avrà provato le stesse sensazioni in altre città e in altre circostanze, e all’interno della stessa Capitale si verificano tantissimi altri fenomeni simili di intasamento. La sfida che le amministrazioni lanciano per evitare il traffico è spesso fallimentare, per motivi legati all’enorme numero di macchine in circolazione e alla presenza di un sistema di regolazione del traffico obsoleto ed inefficiente. Di riflesso a questa situazione stagnante, c’è una tecnologia che fa un passo in avanti e promette di risolvere il problema del traffico semplicemente premendo un bottone!

Evitare il traffico premendo un bottone: Midtown in Motion

A fare questo annuncio è stato il sindaco di New York, Michael Bloomberg, che ha euforicamente ed ottimisticamente auspicato che per evitare il traffico basterà premere un bottone. Come? Utilizzando un rilevatore a microonde chiamato ‘Midtown in Motion’.

Questo sistema, che verrà inizialmente sperimentato in alcune zone di New York, si presenta come una variazione sul tema del "Grande Fratello", perché è costituito da un serie di sensori a microonde e videocamere per la misurazione del volume di traffico, posti nei pressi di ventitre incroci. La tecnologia dovrebbe permettere agli esperti di prevedere eventuali ingorghi e quindi agire di conseguenza per evitare il traffico, con la semplice pressione di un bottone. In realtà, qualche bottone, perché lo scopo è quello di gestire i flussi circolatori controllando i semafori in base al volume di macchine ed evitare quindi la creazione di code. Insomma,secondo i sostenitori di questa tecnologia, essa fornirebbe degli strumenti adeguati ad una risposta al traffico in tempo reale.

Come si usano le microonde per evitare il traffico

Midtown Motion è basato su 100 sensori a microonde a basso costo, 32 telecamere e tele pedaggi E-ZPass per il monitoraggio, l’identificazione e la quantificazione del traffico sia presso gli incroci che lungo le strade. I sensori a microonde emettono energia elettromagnetica, nel raggio di frequenza stabilito in base alla copertura necessaria, e vengono installati ad un’altezza di circa 4 metri al di sopra dell’area da monitorare.

La distanza (in lunghezza) coperta arriva fino a circa 60 metri e ogni sensore riesce a riconoscere la presenza di oggetti elaborando le caratteristiche dell’energia riflessa dagli stessi oggetti che si trovano all’interno dell’area target. I dati vengono inviati ad un elaboratore centrale, gestito da ingegneri, che mandano un nuovo output, in tempo reale, ai semafori per regolare il flusso del traffico.

Vengono quindi rilevati sia il volume di macchine, che la velocità e il tipo di veicoli in più zone simultaneamente. Questo dovrebbe permettere di avere una visione a lungo raggio del traffico. Ma in pratica, per evitare il traffico, c’è un impiegato di fantozziana memoria che preme i pulsanti? Dalle premesse sembrerebbe di sì, come se ci fosse una torre di controllo preposta alla gestione di autovetture invece che di aerei: il discorso è però molto più complesso quando si parla di traffico automobilistico, perché chi guida non chiede il permesso a procedere, ma agisce di sua spontanea volontà, spesso anche ignorando i principi base del codice della strada.

Chi preme il pulsante in teoria modifica le luci dei semafori, con l’obiettivo di rallentare il traffico più scorrevole a favore di quello più intasato, consigliando, tramite GPS, anche percorsi alternativi (questo però da attuare in una seconda fase del progetto). Inoltre è prevista anche la costruzione di 53 corsie di svolta per passare da strade all’interno della città alle avenue senza dover affrontare degli incroci.

Evitare il traffico o controllare la popolazione?

Quindi una serie di ingegneri qualificati, premendo dei tasti in base alle informazioni ricevute dai sensori a microonde, eviterebbero il congestionamento del traffico: oltre ad apportare un notevole beneficio alla circolazione, si creerebbero anche posti di lavoro.

Ma c’è una preoccupazione piuttosto diffusa, unita alla convinzione dell’inutilità del progetto, che ho potuto constatare leggendo diversi forum e commenti agli articoli sul Midtown Motion: molti utenti credono sia solo uno spreco di soldi e hanno il timore che tutto questo controllo (100 sensori, 32 telecamere, solo per cominciare, poi la città potrebbe esserne invasa) abbia tanto il sapore della società orwelliana descritta in 1984. Telecamere e metodi di rilevazione ovunque, per evitare il traffico e per controllare ogni momento della vita pubblica dei cittadini.

Cosa ne pensate della validità del Midtown Motion e della teoria cospirazionista paventata dagli utenti?

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Bazinga

Owen ci aveva avvisato

Owen ci aveva avvisato, più che una possibilità, quella di venire spiati, è una certezza. Direi anche una necessità in molte occasioni. La società moderna ama spiare, vedi successo del grande fratello televisivo e le sue varie forme.

Nelle grandi città già ci sono migliaia di telecamere, quale sarebbe il problema ad averne anche sui semafori, se questo migliorasse il traffico, i costi/benefici sarebbero sicuramente positivi.

Sulle microonde sarei più cauto.

ritratto di Edi82

Diciamo che sulla presenza di

Diciamo che sulla presenza di telecamere e quindi violazione della privacy si potrebbe parlare all'infinito, ma fatto sta che, con una scusa dopo l'altra arriveranno a mettercele in casa. Magari se ci pagano come i concorrenti del Grande Fratello..
Cosa non ti convince delle microonde? Possono essere nocive?

ritratto di Ilprofittatore

Un progetto molto

Un progetto molto interessante ed utile, specie in America.
Alla fin fine si tratta di spostare l'addetto al traffico, sottoposto a continui rischi, in un ufficio.
Inoltre consente di controllare delle zone grosse della città, che non sarebbe possibile utilizzando solo le persone fisiche sul posto.
Inoltre, se si dovesse verificare un incidente o un inseguimento (fa tanto telefilm, lo ammetto) ci sarebbe la possibilità di dirottare il traffico.
Certo, un simile progetto, è adatto solo per le grandi città ed onestamente non penso che in questo caso sia una violazione della privacy, una violazione della privacy è data dalle altre telecamere, ma dobbiamo anche valutare gli operatori, se c'è il classico giustiziere o il ficcanaso che le utilizza per il "bene" della comunità.

Ma ripeto, dal mio punto di vista, un progetto del genere è molto utile, parliamo di traffico, la gestione del traffico nelle medie\grandi città richiede un attenta valutazione; si tratta di una scienza complessa.

Per le microonde, onestamente, esprimo pure io dei dubbi, andrebbero effettuati dei test più approfonditi.

ritratto di Anonimo1

Microonde

E di grazia: quale sarebbe il problema delle microonde? Sono usate normalmente per gli antifurti interni alle case da svariati anni (sensori a doppia tecnologia), è ovvio che si parla di potenze in gioco trascurabili rispetto a quelle dei famigerati forni...

ritratto di Emanuele

Microonde nei sensori doppia tecnologia

Appunto....

microonde nei cellulari, nei trasmettitori bluetooth, nelle prossimità del forno a microonde, nei sensori a doppia tecnologia e... nei semafori.

Bassa potenza ok, ma esposizione h24.... per te va bene cosi?

ritratto di Anonimo1

Liberi di trasferirvi in

Liberi di trasferirvi in mezzo alla foresta amazzonica o in una comunità di mormoni (ammesso che lì non veniate raggiunti dalle micidiali microonde).
A me sta bene così.

ritratto di Anonimo1

Intendevo dire Amish, non

Intendevo dire Amish, non Mormoni

ritratto di Emanuele

Microonde

Piuttosto che trasferirmi nella foresta preferirei che ci fossero delle normative a tutela della salute, a prevenzione dei danni cellulari che l'esposizione (NEL LUNGO PERIODO) alle microonde può provocare.

Credo che risposte come questa, o del tipo "tanto morirò prima a causa del tabacco o dell'alcool" (o dello smog) non aiutano molto....

Leggiti un po di questi articoli
http://it.emcelettronica.com/tag/radiazioni-cellulari
poi semmai ne riparliamo ;)

ritratto di Anonimo1

Ma riparliamone subito, visto

Ma riparliamone subito, visto che ho già letto gran parte di quegli articoli.
Le normative, basate su studi condivisi degli effetti delle microonde sul corpo umano, ci sono già e vengono applicate.
Altri studi ipotizzano effetti nocivi anche a limiti inferiori: benissimo, saranno oggetto di discussione dagli enti preposti che verificheranno se modificare o meno tali limiti.
Ci saranno sempre fantomatici studi che dimostrano tutto e il contrario di tutto: se vogliamo dare credito ad ogni voce senza verificarne l'autorevolezza possiamo anche smettere di vivere.
La mia risposta non aiuterà molto: consideriamola però una provocazione contro chi, di fronte ai più banali e noti usi delle onde elettromagnetiche (sensori di volume eh, mica cannoni a microonde), non esita ad alludere a stantie e noiose teorie del complotto.
Ora chiudo: studi sostengono che la permanenza davanti al PC può provocare il cancro. Meglio non rischiare.

ritratto di Emanuele

Nessun allarmismo e nessun complotto

Non è stata mai mia intenzione fare allarmismo, infatti ho sottolineato "sul lungo periodo". Una esposizione continua per 10-20 anni alle microonde può dare problemi, perche non evitarla?

Tra andare a vivere in Amazzonia o essere esposti H24 alle microonde, forse esiste una via di mezzo... che è la stessa che toglie il telefonino dall'orecchio a 'nostra' figlia adolescente che si è addormentata col telefono sul cuscino......

ritratto di Xyt

Bhè io penso che sia una

Bhè io penso che sia una soluzione intelligente. Poi scusate ma con questa storia della privacy si arriva a boicottare tutto. Non sono forse le telecamere sui marciapiedi davanti ai negozi? E i fatti di cronaca ci fanno riflettere sul fatto che più telecamere in strada potrebbero anche essere un deterrente contro le infrazioni.

ritratto di Spax

Mah

Privacy a parte, e comunque non mi sembra un problema l'aggiunta di qualche telecamera, il fatto è che non potrebbe essere una soluzione efficiente al problema. Se il traffico é superiore alla portata massima della strada, ci può anche essere il verde, ma per forza si intaserà..come in un tubo dove si vuole far passare più acqua di quella che può portare. Stesso discorso per una rete di strade. Forse può contribuire a migliorare le cose, ma non la vedo come risoluzione definitiva al problema.

ritratto di Anonimoveneziano

ennesima fesseria

un sultano aveva un figlio che gli sarebbe succeduto. Per fare in modo che il figlio avesse tante donne tra cui scegliere le candidate all'harem, stabili' una regola. Le donne del regno avrebbero partorito il loro primo figlio: se in nuovo nato fosse stato maschio, la donna doveva smettere di avere figli, se invece fosse stata femmina, la donna avrebbe potuto avere un altro figlio, sempre seguendo la stessa regola del "puoi avere un altro figlio a patto che quello appena nato sia femmina" e cosi' via finche non avrebbe partorito un maschio che avrebbe bloccato la catena.
Cosi, credeva il sultano, ci sarebbero state piu femmine che maschi.
PS: se credete che il discorso fili, fatevi due conti....

Questo discorso del controllo infrarosso mi sembra che segua la stassa "il"logica.

ritratto di Oldjohn

Potrebbe succedere, che

Potrebbe succedere, che uscito di casa per una meta distante 2Km, strada facendo, si sia obbligati a farne 10 per evitare il traffico... Ricordiamolo sempre bene : il costo medio all'utente di 1 Km in auto è di € 0,5. Senza contare i risvolti di inquinamento.
Questo effetto è già oggi evidente con svincoli, rotonde, sensi obbligati, che allungano la strada, talvolta non di poco.

ritratto di Edi82

Il problema è anche quello

Il problema è anche quello dei costi legati ad un eventuale cambiamento verso l'utilizzo di microonde: le amministrazioni comunali sono quasi tutte perennemente in rosso, e un discorso del genere inizierebbe ad avere senso che porterebbe a dei risparmi tali da far rientrare anche l'investimento iniziale..
Ps. Io non ci vedo nulla di positivo nelle telecamere piazzate ad ogni angolo, anche perché non funzionano da deterrente contro i crimini, visto che le prime sono aumentate..e i secondi pure.

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti