L’intelligenza artificiale per la prevenzione dei terremoti

Blockchain e l'intelligenza artificiale sono in grado di creare rapidamente e facilmente un sistema di registrazione indipendente che potrebbe essere la chiave per fornire un aiuto più rapido e più efficace alle persone colpite da un'emergenza.

Non c'è nulla di artificiale nel cambiamento climatico. I modelli meteorologici che vediamo in tutto il pianeta, dalle colossali inondazioni agli incendi catastrofici alla devastante siccità, non ci sono dubbi sul fatto che abbiamo bisogno di utilizzare tutte le risorse del nostro pacchetto tecnologico per combattere disastri naturali o causati dall'uomo. Uno di questi progressi è l'Intelligenza Artificiale (AI) codiauvata dalla blockchain, che sta diventando veramente utile in una miriade di modi, inclusa la capacità un po' sconsiderata di prevedere i disastri naturali. Una tale capacità tecnologica non solo fa risparmiare tempo e denaro, ma salva vite.

Nel caso della prevenzione dei terremoti, ci vuole una combinazione di un rilevamento della topografia naturale e degli edifici che circondano l'area. Quindi il computer esamina i dati in tempo reale, come la magnitudo del terremoto, il traffico nell'area del terremoto e il tempo al momento dell'evento. Il computer quindi utilizza queste informazioni per fare previsioni su cosa accadrebbe se si verificasse un terremoto in una particolare area, per poi implementarle ulteriormente analizzando i terremoti del passato per vedere se le loro previsioni sono utili, rivedendo di conseguenza i modelli predittivi.

Nel giugno del 2018, IBM ha annunciato una partnership con l'U.N. Human Rights Office, Croce Rossa e Linux Foundation, che lancia "Call for Code", un'iniziativa globale open source per sviluppare la tecnologia in modo che il mondo possa prepararsi meglio ai disastri naturali. Sebbene la strada sia ancora lunga, disponiamo di risorse tecnologiche all'avanguardia per fornire aiuti decisamente concreti per prevenire disastri naturali. La blockchain a supporto dell'AI sarà una delle prossime sfide.

 

 

Scrivi un commento