Come le criptovalute e l’IoT lavoreranno insieme

Internet of Things (IoT) ha uno dei più grandi potenziali per il cambiamento della vita umana. Potrebbe diventare il mercato in più rapida crescita nei prossimi anni. Inoltre, da quando è stato rilasciato IOTA, una nuova prospettiva digitale sta avanzando, non solo per l'IoT ma per tutta la smart factory.

Il recente boom del mercato delle criptovalute ha dimostrato ancora una volta che il decentramento è una realtà, e che la nostra società arriverà prima o poi a quel punto di singolarità digitale. In ogni caso, prima che Internet of Things diventi parte integrante della nostra vita quotidiana, deve superare molti ostacoli. La raccolta dei dati dalla nostra corsa mattutina è ciò che sperimentiamo oggi, ma in un paio d'anni verranno interconnessi tutti i dispositivi che utilizziamo e tutte le macchine comunicheranno tra loro.  Dal momento che immaginiamo un mondo con miliardi di dispositivi, macchine e umani che comunicano tra loro, dobbiamo affrontare un enorme problema con le infrastrutture e gli standard hardware/software attuali. In altre parole, il ridimensionamento causerà problemi di design in molti aspetti ingegneristici che le aziende stanno affrontando.

Le micro-transazioni basate sulla blockchain hanno portato ad una rivoluzione nella nostra economia. A partire da circa 7 anni fa, abbiamo assistito all'avvento del Bitcoin e da allora a molte criptovalute e diversi progetti che affrontano molti problemi della nostra economia e della nostra società. Sicuramente alcuni di loro giocheranno un ruolo importante nella condivisione di Internet of Things.

La IOTA Foundation ha lanciato un'alternativa gratuita, più sicura e scalabile a Bitcoin e altre criptovalute. A differenza delle attuali criptovalute, che si basano sulla tecnologia blockchain, la moneta virtuale omonima dell'organizzazione è dotata di un sistema tangle di registri che potrebbe sfruttare più appropriatamente le transazioni aziendali basate sui dati abilitati dall'Internet of Things. Recentemente la fondazione ha avviato un mercato con Deutsche Telekom, Fujitsu, Microsoft e Samsung. Inoltre, tra i membri fondatori della IOT Alliance ci sono aziende come Bosch, Consensys, USbank e Cisco.

La standardizzazione dell'IoT creerà inoltre le condizioni per una maggiore interoperabilità, connettività, "fiducia digitale" con tecnologie blockchain e distribuzione di intelligenza artificiale (AI) tra componenti e sistemi eterogenei. IDC prevede che entro il 2021 un quinto dei maggiori produttori dipenderà da una dorsale sicura di intelligenza integrata, che utilizzerà IoT e blockchain per automatizzare i processi su larga scala e accelerare i tempi di esecuzione fino al 25%. Molte persone confondono blockchain con Bitcoin e altre criptovalute. Mentre blockchain, in quanto fattore abilitante, è davvero il fondamento tecnologico di queste criptovalute, le sue aree di applicazione si estendono ben oltre con un futuro tutto da prevedere ma sicuramente importante per l'IoT.

 

Scrivi un commento

EOS-Academy

Ricevi GRATIS le pillole di Elettronica

Ricevi via EMAIL 10 articoli tecnici di approfondimento sulle ultime tecnologie