Dai LED wearables al mantello dell’invisibilità

La tecnologia wearable è spesso utilizzata per monitorare la salute di un utente. Dato che questi dispositivi sono in stretto contatto con l'utente, possono facilmente raccogliere dati. Tuttavia, negli ultimi anni, gli indossabili si sono guadagnati uno spazio nel settore dell'intrattenimento, creando nuovi modi di sperimentare i media digitali. Ma non solo. Hanno conquistato anche la moda. Sono infatti ritenuti "indumenti e accessori che combinano l'estetica e lo stile con la tecnologia funzionale". Alcuni sono chiamati E-Textiles e sono la combinazione di tessuti e componenti elettronici per creare tecnologia indossabile all'interno di capi di abbigliamento. Sono anche conosciuti come smart textiles e digital textiles. In questo articolo introdurremo la tematica e vedremo come la tecnologia sta modificando anche il nostro modo di vestire.

E-Textiles e Fashionable wearables

Siamo in contatto con i tessuti fino al 98% della nostra vita, e questi tessuti stanno iniziando a diventare intelligenti. Parte di questa rivoluzione comprende l'integrazione dell'elettronica e dei tessili. Le idee per gli E-Textiles esistono da decenni; già nel 1967 lo stilista francese Pierre Cardin, noto per i suoi disegni futuristici, ha creato una collezione di abiti intitolata "Robe Electronique" che presentava un motivo geometrico ricamato con i LED. I disegni unici di Pierre Cardin sono stati presentati anche in un episodio del cartoon "I Jetsons" dove uno dei personaggi principali dimostra come funziona il suo vestito luminoso "Pierre Martian" collegandolo alla rete elettrica (vedi Figura 1).

Immagine 1: episodio de "I Jetson". ©Hanna&Barbera

Figura 1: Episodio de "I Jetson". ©Hanna&Barbera

Nel 1968, il Museum of Contemporary Craft di New York ha tenuto una mostra chiamata Body Covering che presentava la fusione di indossabili tecnologici con la moda. Alcuni dei progetti presentati erano vestiti che cambiavano la temperatura, e abiti da festa che si illuminavano e producevano rumori. I designer di questa mostra hanno incorporato in modo creativo l'elettronica nei vestiti e negli accessori per creare questi progetti. Dal 2018, gli stilisti esplorano questo metodo nella produzione dei loro progetti con maggiore interesse, spingendo i limiti della moda e della tecnologia. Oggi, l'E-Textiles rimane un settore frammentato in una relativa "infanzia" commerciale. Tuttavia, molti operatori del settore in tutta la catena del valore si stanno allineando per offrire la prossima generazione di prodotti tessili intelligenti. Dall'abbigliamento alle bende, dalla biancheria da letto ai tessuti industriali, nuovi prodotti stanno apparendo in una varietà di verticali, poiché questa area tecnologica è sempre più esplorata. Alcuni esempi sono smart ring e smartwatch, che vediamo nella Figura 2, orologi GPS ma anche dispositivi per la realtà virtuale e per il controllo della salute.

Immagine 2: smartwatch

Figura 2: Smartwatch

Tutti i vestiti hanno funzioni sociali, psicologiche e fisiche. Con l'uso della tecnologia queste funzioni possono essere amplificate. Gli indossabili possono essere creati da una prospettiva di funzionalità o da una prospettiva estetica. Quando sono realizzati da una prospettiva di funzionalità, i designer e gli ingegneri creano gli indossabili per fornire comodità all'utente. L'abbigliamento e gli accessori sono usati come uno strumento per fornire assistenza all'utente. Designer e ingegneri stanno lavorando insieme per incorporare la tecnologia nella produzione di indumenti al fine di fornire funzionalità che possono semplificare la vita dell'utente. Per esempio, attraverso gli smartwatch le persone hanno la possibilità di comunicare in movimento e monitorare la loro salute. Inoltre, i tessuti intelligenti hanno un'interazione diretta con l'utente, in quanto permettono di rilevarne i movimenti. Intel, per esempio, ha collaborato con il marchio Chromat per creare un reggiseno sportivo che risponde ai cambiamenti del corpo dell'utente, così come un abito in fibra di carbonio stampato in 3D che cambia colore in base ai livelli di adrenalina dell'utente. A partire dal 2018, gli indossabili stanno rapidamente crescendo anche per soddisfare gli standard della moda, attraverso la produzione di indumenti che siano eleganti e confortevoli. Inoltre, quando gli indossabili sono realizzati da una prospettiva estetica, i designer tentano nuove strade utilizzando la tecnologia e collaborando con gli ingegneri. Questi designer esplorano le diverse tecniche e metodi disponibili per incorporare l'elettronica nei loro progetti. Non sono vincolati da una serie di materiali o colori, poiché questi possono cambiare in risposta ai sensori incorporati nell'abbigliamento. Possono decidere come il loro design si adatta e risponde all'utente.

Dai LED per wearables agli E-Textiles

Che sia per l'alta moda, per gli indossabili funzionali o per costumi e cosplay, molti designer e creatori DIY stanno integrando luci a LED nei loro indumenti. Questo paragrafo sarà un'introduzione che demistifica l'uso dell'illuminazione a LED per la tecnologia indossabile. LED sta per "diodo che emette luce"; sono perfetti per gli indossabili, poiché sono piccoli, poco costosi e facili da usare. I LED più semplici, e il miglior punto di partenza per i creatori DIY, sono i LED a due pin con il lato più lungo, che è il lato positivo, anche detto anodo, e il più corto che è il negativo, o catodo. Le correnti nei LED vanno solo in una direzione, dal positivo al negativo. Questa semplice informazione è importante da ricordare quando si lavora con i LED, poiché i LED con i fili nella direzione sbagliata non funzionano. I LED a due pin sono disponibili in una varietà di dimensioni e colori e sono relativamente poco costosi. Alcuni LED hanno più di due pin; si tratta dei LED RGB multicolore, o LED indirizzabili. Questi LED possono essere controllati per una varietà di funzioni, tra cui l'accensione e il cambiamento di colori in un modello o sequenza scritta in codice, o rispondere ai sensori. I LED RGB hanno tre pin che alimentano gli elementi rosso, verde e blu. I LED indirizzabili hanno un pin "data in", un pin "data out", un pin di massa e un pin di alimentazione. Entrambi questi LED raccolgono dati da un segnale che determina la luminosità e il colore del LED. La maggior parte dei progetti MakeFashion usa LED indirizzabili.

Le strisce LED possono anche essere usate in oggetti da indossare. Sono comode per lavorare perché sono già cablate insieme e possono essere tagliate nella lunghezza che serve per il progetto. Le luci sulle strisce LED analogiche agiscono tutte come una sola, mentre le strisce digitali permettono di indirizzare ogni LED individualmente. Negli indossabili, si usano quando si vuole l'effetto di una striscia o di una griglia di illuminazione densa. Poiché la tecnologia indossabile DIY è aumentata in popolarità, ci sono un certo numero di LED e microcontrollori progettati specificamente per il cucito. I LED Adafruit Sequin e LilyPad (che vediamo in Figura 3) sono entrambi progettati per essere piccoli, leggeri e con piccoli fori per il filo. Possono essere leggermente più costosi dei LED standard, ma sono anche un ottimo punto di partenza per i principianti e i progetti in cui si intende avere i LED visibili sulla superficie.

[...]

ATTENZIONE: quello che hai appena letto è solo un estratto, l'Articolo Tecnico completo è composto da ben 1877 parole ed è riservato agli ABBONATI. Con l'Abbonamento avrai anche accesso a tutti gli altri Articoli Tecnici che potrai leggere in formato PDF per un anno. ABBONATI ORA, è semplice e sicuro.

Scarica subito una copia gratis

Una risposta

  1. Massimo Spiezia 5 Settembre 2022

Scrivi un commento

Seguici anche sul tuo Social Network preferito!

Send this to a friend