I protagonisti di Campus Party

L’edizione italiana di Campus Party vedrà come protagonisti circa 150 speakers che saliranno sui palchi. I principali speakers dell’evento sono Federico Faggin, fisico, inventore dei primi microchip commerciali al mondo, del touchpad e del touchscreen, e Neil Harbisson e Moon Ribas, con i primi esseri umani riconosciuti ufficialmente come cyborg al mondo.

Altri ospiti d’eccezione, Chance Glasco, co-founder di Call of Duty, Anders Carlsson,  dj di musica 8bit che terrà un concerto all’interno dell’evento (21 luglio), Paolo Attivissimo, giornalista cacciatore di bufale, Anna Frosi, progettista del primo nanosatellite sulla Luna, Daniele Bigi della Industrial Light&Magic (responsabile degli effetti speciali di Star Wars e film Marvel), Manuel Muñiz da Harvard, Davide Venturelli, Ricercatore e manager del Quantum Artificial Intelligence Lab al centro NASA e molti altri.

Saranno presenti anche talk, workshop e barcamp dedicati al mondo dei maker: per esempio, il 21 Luglio dalle 20 alle 22 si terrà il workshop “Sviluppo di un progetto IoT professionale basato su Raspberry Pi e Arduino. Si progetterà e realizzerà un sistema IoT per la supervisione, il controllo e l'automazione di un impianto professionale, utilizzando tecnologie basate su Arduino e Raspberry Pi. Vedremo come integrare diversi sistemi, servizi cloud-based, creare interfacce Web e programmare logiche di automazione. Il tutto con l'aiuto delle tecnologie sviluppate da Sfera Labs, una startup innovativa che sviluppa soluzioni per portare le tecnologie open source del mondo "maker" nel campo dell'automazione professionale. Un altro esempio è il barcamp “Tecnologie maker nel mondo professionale dell’automazione”: il mondo dell'automazione professionale è un settore ormai secolare, dominato da protocolli e tecnologie proprietarie sconosciute a chiunque non sia un esperto del settore.

Dall'altro lato vi è la crescente community dei "maker" che è fondata sull'utilizzo di soluzioni open-source come Arduino e Raspberry Pi, caratterizzate da un'ampia diffusione di risorse accessibili a chiunque e basate su metodologie di sviluppo contemporanee che abbattono le barriere d'ingresso a tali tecnologie. Questi due mondi, nonostante abbiano molte affinità applicative, sono radicalmente separati. Il mondo professionale richiede livelli di sicurezza e certificazioni che le piattaforme maker non sono in grado di offrire, ma quest'ultime offrono una garanzia di affidabilità intrinseca delle piattaforme open source e dei progetti basati su comunità di sviluppatori accomunati dalla loro passione. Si discuterà di questi due realtà e di come Sfera Labs, una startup innovativa italiana, propone soluzioni per colmarne il divario e combinarne i vantaggi. Lo speaker del workshop e del barcamp sarà Giampiero Baggiani, ingegnere specializzato nel campo dell'automazione e dell'integrazione. Giampiero è co-founder di Sfera Labs, startup innovativa nel campo dell'IoT e presidente dell'associazione Piccole Variabili che gestisce la community di CoderDojo Milano.

 

Una risposta

  1. Maurizio Di Paolo Emilio Maurizio Di Paolo Emilio 22 giugno 2017

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *