Il Touch Screen e le soluzioni IC di controllo

La maggior parte dei touch screen di oggi utilizza varie tecnologie, in particolare quella capacitiva PCAP (Projected Capacitive) e resistiva. Sempre più design elettronici, anche in embedded computing, scelgono la tecnologia capacitiva proiettata, PCAP, per trasformare la superficie dello schermo in una moderna interfaccia utente.  Un fattore chiave dietro i cambiamenti della tecnologia touch capacitiva proiettata è la mossa di integrare il touch in pannelli LCD (al seguente link una panoramica di articoli sulla categoria LCD), eliminando così la necessità di una sovrapposizione e con la possibilità di disporre dispositivi touch sottili migliorando a sua volta le prestazioni ottiche. In questo articolo faremo una panoramica generale sulla tecnologia touch, in particolare PCAP e resistiva, con esempi di IC controller per la gestione delle operazioni di tocco.

Introduzione

I costi di lavorazione iniziale e dei relativi materiali rappresentano questioni chiave quando si deve considerare il costo complessivo del touchscreen. PCAP è la migliore alternativa grazie alla più alta trasmissione della luce e una migliore nitidezza dell'immagine. La tecnologia resistiva soffre di ridotta trasmissione della luce in confronto con quella PCAP.  Un contatto diretto tra il dito e la superficie sensibile touch PCAP non è necessaria per il funzionamento. Una lastra di vetro può essere montata come strato protettivo esterno trasparente senza interferire con la funzionalità touch. La giusta scelta del materiale e dello spessore della lastra può anche proteggere il sistema da vandalismi e disturbi ambientali.  Il principio della tecnologia PCAP si basa su due strati di elettrodi, in righe e colonne, montate con un opportuno separatore. Un campo elettrico viene creato su uno degli strati e la capacità di accoppiamento viene misurata per ogni x - y elettrodo di intersezione, uno per uno; il controllore esegue la scansione della superficie per determinare la corretta posizione. La resistenza di touch è un fattore chiave nel determinare la sensibilità al tatto, espresso anche come rapporto segnale-rumore (SNR). I materiali con resistenza elevata limitano la quantità di corrente che fluisce attraverso i conduttori, rendendo così più difficile scegliere correttamente un evento di tocco da circostanze di interferenze ambientali (EMI, a tal proposito vi consiglio di leggere questo articolo). I metodi di misura capacitivi sono stati utilizzati per un lungo periodo in molte applicazioni per determinare valori fisici come la distanza, pressione, livello del liquido, accelerazione ecc. I sensori tattili capacitivi sono solo un altro campo di applicazione. Numerosi metodi esistono per misurare la capacità: spostamento della frequenza di risonanza, modulazione di frequenza, modulazione di ampiezza, la misura del tempo di carica etc. La maggior parte dei metodi richiedono circuiti analog mixed signal che ereditano i problemi legati alla diafonia, l'accoppiamento e la sensibilità al rumore.

Grafene

Il grafene, una potenziale tecnologia per touchscreen, ha avuto risultati promettenti, grazie a fattori quali la trasparenza e la conducibilità, ma lo sviluppo è ancora nella sua fase primordiale. Tuttavia, nonostante il suo potenziale come materiale per touchscreen capacitivi proiettati, ci sono molte altre applicazioni come la depurazione delle acque, batterie e celle solari. La ricerca sul grafene è stata particolarmente proficua nei settori dell'elettronica e delle biotecnologie, anche se c'è ancora lavoro da fare prima che l'elemento possa essere prodotto in modo sicuro e conveniente. Con lo sviluppo in questa direzione in costante progressione dal 2012, quando una importante [...]

ATTENZIONE: quello che hai appena letto è solo un estratto, l'Articolo Tecnico completo è composto da ben 2026 parole ed è riservato agli ABBONATI. Con l'Abbonamento avrai anche accesso a tutti gli altri Articoli Tecnici e potrai fare il download in formato PDF eBook e Mobi per un anno. ABBONATI ORA, è semplice e sicuro.

Scarica subito una copia gratis

Una risposta

  1. Maurizio Di Paolo Emilio Maurizio Di Paolo Emilio 27 Dicembre 2016

Scrivi un commento

Seguici anche sul tuo Social Network preferito!

Send this to a friend