Una giornata alla European Microwave Week

European Microwave Week (EuMW) è il più grande evento in Europa dedicato ai componenti a microonde dove ogni anno tecnici, ingegneri e ricercatori si riuniscono per discutere le tendenze di mercato e nuove soluzioni tecnologiche. Quest'anno l'evento EuMW si è tenuto a Londra (ExCel), dove sono stati messi in risalto nuovi prodotti e sviluppi tecnologici con l'obiettivo di stringere relazioni con il vasto pubblico di alto livello del settore Aerospace&Defense. Inoltre, un forum e una serie di dibattiti hanno permesso di discutere le tendenze tecnologiche con scambio di informazioni scientifiche. Molte compagnie hanno presentato le loro ultime tecnologie, a cominciare da Keysight con nuovi analizzatori di segnale e Macom con i suoi 27 nuovi prodotti MMIC per un'ampia gamma di applicazione da DC fino a 100 GHz per test e misura nel settore aerospaziale e della difesa, industriale, scientifico e applicazioni a banda larga via cavo e mediche (ISM).

L'evento European Microwave Week (ExCel, Londra) ha visto la partecipazione di numerose aziende e ricercatori per discutere e approfondire le tendenze del mercato delle microonde. I forum e le conferenze hanno permesso lo scambio di informazioni per affinare sempre di più il connubio azienda-ente di ricerca nello sviluppo di applicazioni per il mercato Aerospace&Defense. Keysight Technologies ha dato il via alla European Microwave Week (EuMW) presentando l'analizzatore di segnale N9041B UXA con una copertura di banda fino a 110 GHz. Il nuovo strumento trova spazio nello sviluppo delle comunicazioni wireless 5G, onde millimetriche backhaul, comunicazioni satellitari, radar automobilistico, radar militari e sistemi di guerra elettronica. I livelli di rumore (DANL) si attestano sui -150 dBm / Hz a 110 GHz. Quest'ultimo parametro (DANL, Displayed Average Noise Level ) è proprio il livello medio di rumore visualizzato sull'analizzatore, può essere riferito ad una specifica larghezza di banda di risoluzione o normalizzata a 1 Hz. N9041B UXA semplifica notevolmente le misure di onde millimetriche con una copertura di frequenza che comprende 802.11ad (WiGig) a 60 GHz, collegamenti e-banda radio (da 71 a 76 e da 81 a 86 GHz), radar di bordo (da 77 a 81 GHz) e backhaul R & S nella banda 92-95 GHz.

Pico Technology ha messo in mostra la sua tecnologia di PicoScope PC-based e PicoConnect serie 900 per le misure di integrità del segnale. Gli oscilloscopi di campionamento PicoScope PC-based forniscono una larghezza di banda di 20GHz con misure standard e l'analisi avanzata della forma d'onda per i segnali gigabit. Sono disponibili modelli a due e quattro canali, con opzioni clock recovery a 11,3 Gbit / s e optical input a 9.5GHz. Le sonde passive della serie PicoConnect 900 a bassa invasività e ad alta frequenza sono progettate per applicazioni fino a 9 GHz e 18 Gb / s. Le sonde utilizzano un unico PCB per offrire una robusta affidabilità a basso costo. La Macom così come la Ampleon hanno guidato l'innovazione nel campo RF, microonde e onde millimetriche con il vasto supporto tecnico e commerciale in una nuova generazione di soluzioni MMIC a banda larga. MACOM ha sperimentato una nuova classe di MMIC ad alte prestazioni che coprono molte categorie di prodotti: dagli amplificatori passando per i convertitori di frequenza.

Il più importante sviluppo nella tecnologia a microonde durante l'ultimo decennio è stato senza dubbio il Monolithic Microwave Integrated Circuit (MMIC).

Un Monolithic Microwave Integrated Circuit, o MMIC, opera a frequenze delle microonde (300 MHz a 300 GHz) con funzioni quali l'amplificazione di potenza e la commutazione ad alta frequenza. L'impedenza caratteristica di 50 ohm rendono i dispositivi MMIC facili da usare senza una rete di adattamento esterna. Ampleon ha presentato nuovi transistori di potenza 1900 W LDMOS per applicazioni nel campo di frequenza da 10 a 500 MHz. BLF189XR è l'ultimo membro di una famiglia di transistor "robusti" XR LDMOS progettati specificamente per applicazioni HF / VHF / UHF, come ad esempio i trasmettitori radio FM, generatori di plasma, scanner medici e acceleratori di particelle.

La tecnologia Radar ha visto numerose applicazioni nel corso del tempo, essa trasmette un segnale radio su un certo bersaglio e poi intercetta l’energia riflessa dallo stesso bersaglio. Google ed Infineon stanno rivoluzionando la tecnologia wearable con il progetto Soli impiantando soluzioni radar per controllare i comandi. La tecnologia dei sensori Soli funziona attraverso l'emissione di onde elettromagnetiche in un fascio ampio. Gli oggetti all'interno del fascio disperdono l'energia che riflettono una parte verso l'antenna radar. Le proprietà del segnale riflesso, come l'energia, tempo di ritardo e spostamento di frequenza, determinano le caratteristiche degli oggetti tra cui le dimensioni, la forma, l'orientamento, il materiale, la distanza e la velocità. Infineon e Google ATAP mirano ad affrontare numerosi mercati con tecnologia radar "Soli" in grado di riconoscere i gesti e sostituire interruttori o pulsanti nella tecnologia wearable e vari dispositivi mobili nell'ambito dell'IoT. La tecnologia alla base è rappresentata dai chip radar di Infineon, nonché software e algoritmi di gestione di Google. Entrambe le aziende si stanno preparando per la commercializzazione congiunta della tecnologia "Soli" per favorire una grande varietà di applicazioni. La tecnologia radar di Infineon vede anche i chip 77-GHz utilizzati nei sistemi di assistenza alla guida radar per riconoscere gli oggetti ad una distanza fino a 250 metri. Con 15 milioni di chip già spediti, la Infineon dimostra di essere il leader di mercato nel settore dei chips radar. La tecnologia aerospace è un campo fortemente applicativo per i dispositivi GaN (nitruro di gallio); a differenza dei semiconduttori al silicio che necessitano di tecniche di fabbricazione e imballaggi speciali per proteggere i relativi dispositivi dagli effetti delle radiazioni, le proprietà naturali del GaN garantiscono robustezza e immunità dalle radiazioni. Oltre alla sua capacità di sopravvivere in un ambiente difficile, la piccola dimensione e l'alta efficienza rendono la tecnologia GaN molto attraente per l'uso in applicazioni spaziali. I transistor GaN trovano impiego per esempio in propulsori ionici per la conversione dc-dc dell'energia fornita dai pannelli fotovoltaici. Con la tecnologia GaN applicata ai satelliti possiamo ridurre la dimensione dell'elettronica, eliminare la schermatura necessaria e migliorare notevolmente le prestazioni del payload di bordo. L'emergere della tecnologia GaN accoppiata con le innovazioni spaziali, cambierà il modo di viaggiare alla scoperta di nuovi pianeti, accelerando la sua esplorazione e ponendo le basi per la colonizzazione dello spazio!

 

 

Iscriviti e ricevi GRATIS
Speciale Pi

Fai subito il DOWNLOAD (valore 15€) GRATIS

Una risposta

  1. Maurizio Di Paolo Emilio Maurizio 18 ottobre 2016

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Iscriviti e ricevi GRATIS
Speciale Pi

Fai subito il DOWNLOAD (valore 15€) GRATIS