Home
Accesso / Registrazione
 di 

Ottimizzare i tempi di Boot sulla Raspberry Pi

Ottimizzare i tempi di boot sulla RaspberryPi

Tutti noi siamo diventati sempre più esigenti. Vogliamo sistemi molto performanti, estremamente potenti ed immediatamente pronti all'uso. Spero per ottenere questi risultati serve un lavoro a basso livello. In questo articolo verranno illustrate alcune tecniche per identificare, misurare e ottimizzare la fase di boot della Raspberry Pi, e renderla ancora più performante.

Contenuto esclusivo per gli ABBONATI PLATINUM di Elettronica Open Source.

Leggi subito tutto l'articolo e poi ricevilo in PDF all'interno di EOS-Book insieme a tanti altri vantaggi offerti dall'Abbonamento Platinum! Diventa Utente PLATINUM

SCOPRI TUTTI I VANTAGGI DI UN ABBONAMENTO ANNUALE CHE COMPRENDE ANCHE TUTTO L'ARCHIVIO

 

 

 

 

 

Scrivi un commento all'articolo esprimendo la tua opinione sul tema, chiedendo eventuali spiegazioni e/o approfondimenti e contribuendo allo sviluppo dell'argomento proposto. Verranno accettati solo commenti a tema con l'argomento dell'articolo stesso. Commenti NON a tema dovranno essere necessariamente inseriti nel Forum creando un "nuovo argomento di discussione". Per commentare devi accedere al Blog
ritratto di Giorgio B.

Confesso di aver comprato

Confesso di aver comprato Raspberry Pi quando ne avete iniziato a parlare perchè mi avete incuriosito ma finora non ci ho mai fatto nulla di serio. Qualcosa tra gli esperimenti predisposti da Lucas ma poco più...
Questo potrebbe essere un bell'esperimento anche perchè certamente mi porterà a scoprire cose che non conosco :)
Ottimo articolo arighi!
Senti ma se poi smanettando dovessi far pasticci posso contare su di te? :)

ritratto di Andrea Righi

Grazie, mi fa piacere che

Grazie, mi fa piacere che l'articolo ti abbia incuriosito. Allora, pasticci troppo grossi sulla RPi in genere non se ne dovrebbero fare... al limite basta ri-flashare l'SD card per tornare ad uno stato funzionante. :)

Ad ogni modo sentiti libero di contattarmi mandando un messaggio o postando un commento qua sotto se hai bisogno di aiuto o riscontri errori, problemi, etc. nel seguire i passaggi riportati sopra.

ritratto di Giorgio B.

Quasi dimenticavo

Leggendo leggendo c'è una cosa che non ho capito e che mi son dimenticato di chiedere. Hai scritto

1 / 100 ms = 250 ms

ehm... come?! :)

ritratto di Andrea Righi

Esatto, ottima domanda,

Esatto, ottima domanda, grazie!

In effetti me l'aveva fatto notare anche Piero Boccadoro. Il fatto e` che qua ho saltato un bel po' di passaggi e l'espressione non e` un'uguaglianza ma il risultato di un'approssimazione.

Vediamo di chiarire. Ovviamente con CONFIG_HZ=100 la singla attesa di un tick richiede 1 / 100 s = 10 ms. Tuttavia il kernel per fare una valutazione piu` precisa del numero di loop che la CPU riesce a fare in un jiffy, reitera l'attesa piu` volte nella funzione calibrate_delay(), effettuando una prima fase di calibrazione e successivamente una fase di approssimazione binaria, fino a che non si converge ad un valore sufficientemente attendibile. Di tali attese da 10ms se ne possono fare fino ad un massimo di 27, per cui la calibrazione potrebbe richiedere fino a 270 ms, quindi in prima approssimazione l'attesa e` dell'ordine di 250ms.

I dettagli della procedura si possono trovare nella patch che ha introdotto il parametro di boot lpj, utilizzato per fare il preset dei loops per jiffy: http://lwn.net/Articles/93125/

ritratto di Giorgio B.

Ah... ok. Ora è chiaro

Ah... ok.
Ora è chiaro :D
Grazie per la precisazione.

ritratto di Ivan Scordato

Questo argomento è stato

Questo argomento è stato trattato al Better Embedded.
Nonostante per adesso non ho la possibilità di parteciparci lo tengo d'occhio.

Ottimo Articolo!

 

 

Login   
 Twitter Facebook LinkedIn Youtube Google RSS

Chi è online

Ultimi Commenti