In Viaggio verso Marte!

Lo scorso anno lo spazio al cinema è stato davvero protagonista: Gravity, Interstellar e The Martian sono stati campioni di incassi, e ciò rende l'idea di quanto i viaggi spaziali siano un argomento affascinante. In questo articolo vogliamo valutare le attuali possibilità di un viaggio verso Marte, analizzando i progetti e le necessità di un viaggio così lungo nello spazio profondo. Vedremo che in realtà la stazione spaziale necessaria al viaggio è allo studio già dalla fine degli anni '60, e cercheremo di capire perché non siamo ancora riusciti a realizzare questo progetto. È davvero così difficile viaggiare nello spazio? 

Dalla Terra ... verso Marte!

Courtesy NASA/JPL/Malin Space Science Systems

Figura 1: la Luna e la Terra viste dal dal NASA Mars Exploration Rover Spirit

La possibilità di viaggiare verso Marte è allo studio da più tempo di quello che si pensa.

<<Marte è un'altra storia. La differenza principale tra un viaggio alla Luna e un viaggio su Marte è che Marte si trova enormemente più lontano: di conseguenza l'assenza dalla Terra è lunghissima. Recarsi su Marte non sarà un picnic di otto giorni come andare sulla Luna.>> dall'intervista a Wernher von Braun di Oriana Fallaci. Ai tempi dell'Apollo 11, Wernher  von Braun, il padre del razzo Saturno, ipotizzava che saremmo riusciti a sbarcare su Marte già nel 1990. Il suo collega, all'epoca direttore scientifico della NASA, Ernst Stuhlinger stava già progettando una flotta per il viaggio (Figura 1).

I problemi principali

Durata del viaggio

orbita di hohmann

Figura 2: Orbita di Hohmann

In realtà, la durata del viaggio in sé non è che una parte del problema. Anche sfruttando l'effetto fionda, come mostra la figura 2, la durata del viaggio, tra andata, ritorno e permanenza, è tra l'anno e mezzo e i due anni. Per una missione di così lunga durata è necessario un certo carico di provviste, ossigeno, acqua e carburante. L'astronave, anche con l'equipaggio ridotto al minimo, sarà quindi molto grande e pesante, difficile da lanciare, anche con la propulsione nucleare. Ammettendo, per esempio, di voler restare sul pianeta rosso almeno un mese, e realizzare la missione con soli sei astronauti, sarebbero necessarie provviste per 400 sol (un sol è un giorno marziano, della durata di 24 ore e mezza circa). Inoltre, l'equipaggio correrebbe gravi rischi per la salute; essendo molto lontani dall'atmosfera non sarebbero più schermati da raggi UV e radiazioni ionizzanti . Ciò comporterebbe un'altissima probabilità di sviluppare tumori. I problemi derivanti dalla gravità, invece, sono "facilmente" aggirabili; si può creare gravità artificiale sfruttando la forza centrifuga. Realizzando quindi una stazione rotante, visibile in figura 3, con la zona abitativa posta alla [...]

ATTENZIONE: quello che hai appena letto è solo un estratto, l'Articolo Tecnico completo è composto da ben 2302 parole ed è riservato agli ABBONATI. Con l'Abbonamento avrai anche accesso a tutti gli altri Articoli Tecnici e potrai fare il download in formato PDF eBook e Mobi per un anno. ABBONATI ORA, è semplice e sicuro.

2 Commenti

  1. Maurizio Di Paolo Emilio Maurizio 14 aprile 2016

Scrivi un commento

Send this to a friend