La nuova tecnologia di comunicazione Bluetooth 5 per l’IoT

Bluetooth 5 è la nuovissima versione della tecnologia di comunicazione Bluetooth approvata dal SIG ovvero Special Interest Group, il consorzio che ne supervisiona e controlla gli standard. Le attese su questa nuova versione Bluetooth sono tantissime, in particolare, per lo sviluppo nel mondo IoT dei dispositivi collegati in casa, nelle imprese e per le applicazioni industriali.

Introduzione

Il nuovo standard ha un’ampiezza di banda pari a 2Mbps superiore a 1Mbps della versione precedente e un range di copertura molto più ampio. Può garantire velocità e capacità di trasmissione superiori alle versioni precedenti. Il doppio della capacità trasmissiva e l’ampio raggio di copertura significano elevate velocità di trasferimento di dati e anche l’utilizzo di minore quantità di dispositivi per coprire aree sempre maggiori. Uno degli aspetti più importanti per il nuovo standard di riferimento è la maggiore sicurezza delle connessioni, infatti, questa nuova versione, include aggiornamenti che aiutano a ridurre possibili interferenze con altre tecnologie wireless.

Bluetooth è uno standard di connessione wireless che collega dispositivi diversi e trasferisce dati su brevi distanze. Inventato da Ericsson, porta il nome del re Harald Blaatand soprannominato Dente Blu (Bluetooth) e ricordato per aver riunito tribù vicine e aver favorito, così, la nascita del regno di Danimarca. L’ultima versione, prima dell’attuale, è stata implementata nel 2011 Bluetooth 4.0 mentre è del 2014 l’ultimo aggiornamento della stessa versione la 4.2.  Si passa, così, alla versione 5.0 annunciata nel giugno 2016, versione che spesso è definita semplicemente Bluetooth 5 per ragioni di marketing e di semplificazione stessa nella comunicazione del brand Bluetooth.

Il nuovo standard Bluetooth promette di trasferire i dati alla velocità di 2Mbps e ciò dovrebbe comportare una maggiore velocità nel trasferimento stesso dei dati. Un aumento della capacità di trasmettere i messaggi (8x) con minore assorbimento di energia e una maggiore quantità di dati trasportati. La nuova tecnologia Bluetooth 5 prevede anche una serie di accorgimenti per ridurre al minimo le possibili interferenze durante la fase di trasmissione dei dati. Tutti i miglioramenti di Bluetooth 5 mirano ad aumentare le funzionalità per l'internet delle coseOggetti senza connessione, affidabili e a basso consumo in ambienti sempre più grandi. D'altronde, la tecnologia Bluetooth è stata soprattutto pensata per essere utilizzata da dispositivi dotati di batterie e a corto raggio ma, allo stesso tempo, è stata pensata per supportare traffico voce e dati in tutto il mondo grazie alla banda ISM (uso industriale, scientifico e medico). Per questo, è sempre stata caratterizzata da costi bassi ma anche da un basso consumo di potenza e specifiche aperte. Il nuovo standard Bluetooth non nasce per sostituire le vecchie versioni ma per aumentare le funzionalità. 

Internet of things

Lo standard Bluetooth 5 è stato pensato soprattutto per condividere informazioni tra device semplicemente entrando in casa o in auto oppure a lavoro. Nei prossimi anni il SIG che è composto da grandi marchi dell’elettronica industriale a livello mondiale, prevede che più di un terzo dei dispositivi per l’internet delle cose utilizzerà lo standard Bluetooth 5. Questo è il motivo principale per cui, in quest’ultima versione, si è cercato di ridurre le interferenze con altri protocolli wireless e allo stesso tempo, si è ottimizzato il risparmio energetico e aumentata la gamma di trasmissione per [...]

ATTENZIONE: quello che hai appena letto è solo un estratto, l'Articolo Tecnico completo è composto da ben 2161 parole ed è riservato agli abbonati PLATINUM. Con l'Abbonamento avrai anche accesso a tutti gli altri Articoli Tecnici MAKER e PLATINUM e potrai fare il download (PDF) di tutti gli EOS-Book, Firmware e degli speciali MONOTEMATICI. ABBONATI ORA, è semplice e sicuro.

Abbonati alle riviste di elettronica

6 Commenti

  1. Maurizio Di Paolo Emilio Maurizio Di Paolo Emilio 23 marzo 2017
    • Roberta Fiorucci Roberta Fiorucci 23 marzo 2017
  2. Emanuele Bonanni Emanuele Bonanni 23 marzo 2017
    • Maurizio Di Paolo Emilio Maurizio Di Paolo Emilio 23 marzo 2017
  3. quantumleap quantumleap 29 marzo 2017

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *