L’intelligenza artificiale per il settore automotive

Lo sviluppo e la proliferazione di auto senza conducente o di guida assistita è forse una delle più grandi innovazioni nell'odierna industria automobilistica. Con l'intelligenza artificiale (AI), una piattaforma tecnologica sempre più comune, l'industria automobilistica è destinata a sperimentare cambiamenti significativi nei prossimi anni in termini di soluzioni e gestione della supply chain.

Introduzione

L'intelligenza artificiale ha il potenziale di essere una forza veramente dirompente nel modo in cui le case automobilistiche producono veicoli e il consumatore interagisce con il prodotto finale. Man mano che i veicoli diventano più integrati e complessi, le aziende manifatturiere dovranno sfruttare metodi più snelli di produzione e della logistica per tenere il passo con le esigenze di un settore così ricco di varianti. L'intelligenza artificiale sarà utilizzata per aumentare la capacità del guidatore per controllare l'auto in diverse condizioni operative. La quantità di software e hardware di intelligenza artificiale richiesta, tuttavia, supererà di gran lunga qualsiasi sistema informatico presente nei veicoli di oggi (Figura 1).

Figura 1: il mercato dei sistemi basati su AI per il settore automotive [Fonte: IHS]

Entrambi i veicoli semi-autonomi e completamente autonomi del futuro si baseranno in gran parte sui sistemi di intelligenza artificiale. Tuttavia, gli algoritmi AI associati possono richiedere enormi risorse di memoria. La maggior parte dell'hardware e del software di intelligenza artificiale comprende una combinazione di varie tecnologie. Uno che è particolarmente critico è l'apprendimento profondo, che imita l'attività della capacità di pensare del cervello. Questo software impara, in un senso molto reale, a riconoscere gli schemi nelle rappresentazioni digitali di suoni, immagini e altri dati.

Internet delle cose

Entro il 2020, gli analisti del settore stimano che oltre 250 milioni di veicoli saranno connessi a Internet. Questi veicoli saranno equipaggiati con una miriade di sensori, piattaforme di connettività, funzionalità geo-analitiche e metodi di analisi per i Big Data come base operativa. In quanto tale, il principio dell'Internet degli oggetti diventerà un collegamento fondamentale nell'integrazione di questi sistemi disparati in una piattaforma operativa unificata. Tutto questo implica che i produttori in generale dovranno lavorare più a stretto contatto con gli sviluppatori di software per integrare con successo questi sistemi intelligenti in nuovi veicoli per esempio e garantire una comunicazione efficace tra di essi. Ciò porta ad un potenziale di nuove partnership che possono portare a interessanti opportunità di business con nuovi soci in diverse parti del mondo. Per i consumatori  la proliferazione dell'IoT nella sfera della produzione Automotive rappresenta un modo intelligente e integrato per monitorare le condizioni di un veicolo e valutare quando sono necessarie riparazioni o sostituzioni di componenti. I dati provenienti da sensori consentono di apportare modifiche o ritocchi ai sistemi operativi nei futuri programmi di produzione.  I rivenditori e le aziende manifatturiere possono diagnosticare problemi e prescrivere opzioni di riparazione [...]

ATTENZIONE: quello che hai appena letto è solo un estratto, l'Articolo Tecnico completo è composto da ben 1751 parole ed è riservato agli abbonati PRO. Con l'Abbonamento avrai anche accesso a tutti gli altri Articoli Tecnici MAKER e PRO inoltre potrai fare il download (PDF) dell'EOS-Book e di FIRMWARE del mese. ABBONATI ORA, è semplice e sicuro.

Abbonati alle riviste di elettronica

3 Commenti

  1. Maurizio Di Paolo Emilio Maurizio Di Paolo Emilio 28 febbraio 2018
  2. AntonioRiccelli 1 marzo 2018

Scrivi un commento

EOS-Academy