Un successo di EOS al Campus Party di Milano? No, un super successo

Hanno superato ampiamente le aspettative i risultati positivi di Elettronica Open Source ottenuti al Campus Party di Milano 2017. Un grande staff si è dato da fare distinguendosi per la professionalità in tutte le attività svolte. Talk, promozione della rivista e hackathon hanno riscosso un grandissimo successo. Vediamo come è andata.

Non poteva andare meglio. Il bilancio finale si è rivelato più roseo di qualunque previsione. In un unico concetto, il Campus Party 2017 è stato un grande successo per Elettronica Open Source, sotto tutti i punti di vista. Tante sono state le attività svolte durante la manifestazione ed elenchiamo, per brevità, le più significative, in quella che è risultata, a tutti gli effetti, una grande esperienza emotiva e tecnologica al tempo stesso.

Gli organizzatori dell'Hackathon su ESPertino. Da sinistra: Giovanni, Emanuele e Maurizio

Complimenti da parte di tutti

Elettronica Open Source ha ricevuto tanti complimenti per l'ottima organizzazione e riuscita dell'evento. Complimenti, ovviamente, molto apprezzati e che contribuiscono senz'altro a fare ancor di più per le future edizioni dell'evento. L'organizzazione del Campus Party, insieme a Conrad e ad altre importanti realtà aziendali hanno elogiato l'operato di EOS apprezzando molto il lavoro svolto e la professionalità raggiunta. Protagonisti anche di numerose interviste da parte di emittenti televisive e organi della stampa, EOS ha puntato molto sulla diffusione del messaggio e sulla divulgazione delle proprie riviste. Anche i Campuseros hanno apprezzato molto tali iniziative.

Intervista ad EOS-Book e a Conrad da parte di Milano AllNews

Intervista ad EOS-Book e a Conrad da parte di Milano AllNews

Pubblicizzazione delle riviste

L'intera durata del Campus Party è coincisa con la distribuzione gratuita della rivista EOS-Book di maggio 2017. Un numero speciale, stampato esclusivamente per l'evento, denso di articoli interessanti e istruttivi e novità ma, soprattutto, imperniata sulla nostra nuova scheda ESPertino. Per tali occasioni abbiamo deciso di distribuire gratuitamente il numero di maggio 2017 in formato cartaceo, sempre affascinante e attraente e, soprattutto, da conservare nella propria biblioteca tecnica.

La rivista EOS-Book di maggio 2017, distribuita gratuitamente in formato cartaceo

Grande lavoro è stato svolto dalle nostre efficienti collaboratrici che, grazie alla loro simpatia e organizzazione professionale, hanno distribuito e fatto conoscere le riviste a tanti visitatori.

Le nostre ragazze al lavoro per la pubblicizzazione della rivista

Il Talk sull'Energy Harvesting

Il giorno 20 luglio alle ore 20.00, durante il Campus Party, si è svolto un talk dal titolo "Energy Harvesting: raccogliamo energia dall’ambiente" tenuto dal nostro Maurizio Di Paolo Emilio. L'evento è stato coronato da un ampio ventaglio di spettatori e appassionati che hanno seguito, con estremo interesse, le innovative argomentazioni trattate. E' stato un grande successo, visto lo "scottante" tema affrontato. La possibilità di utilizzare gratuitamente l'enorme quantità di energia presente intorno a noi è stata molto sentita e non sono mancate richieste di approfondimenti e di ulteriori analisi da parte dei presenti.

Il brillante talk del nostro Maurizio Di Paolo Emilio dal titolo "Energy Harvesting: raccogliamo energia dall’ambiente"

Maurizio Di Paolo Emilio durante il suo talk

Hackathon su ESPertino

Come già preannunciato nei nostri precedenti articoli, Elettronica Open Source ha organizzato un Hackathon proprio sulla scheda di ESPertino. Una gara all'ultimo "componente elettronico" finalizzata alla creazione di un dispositivo utile e interessante.

I Team partecipanti all'Hackathon su ESPertino

Più di 20 ragazzi, organizzati in 12 team, hanno dato luogo ad una interessantissima sfida elettronica nei tre intensi giorni dell'Hackathon, per una esperienza davvero fantastica!

>> Leggi anche: Conquista 2000 euro con l’Hackathon su ESPertino al Campus Party

Tanti tavoli di lavoro, riccamente allestiti di strumentazione, componenti elettronici e arnesi offerti da Conrad Italia, sono stati preparati dall'organizzazione per ospitare il lavoro dei concorrenti: dei veri e propri laboratori tecnici.

La preziosa strumentazione elettronica messa a disposizione da Conrad Italia

Le squadre si sono affrontate in modo estremamente professionale e agguerrito ma rispettando in pieno lo spirito sportivo della gara. Non sono mancate, infatti, occasioni nelle quali alcuni team aiutassero gli "avversari" nella stesura del software od offrire loro i componenti elettronici più critici. E di questi stupendi episodi ne abbiamo visti davvero tanti.

In mancanza di PCB reali i Team si danno da fare

Inoltre i Campuseros hanno aguzzato l'ingegno in mille occasioni e quando determinate componentistiche sono risultate introvabili o non disponibili, le hanno realizzate di sana pianta. Alcuni team, addirittura, sono riusciti a effettuare determinati assemblaggi e cablaggi su PCB di cartone appositamente costruiti. Sono questi i veri Makers!

Per noi di EOS i vincitori dell'Hackathon sono stati tutti.

I gruppi rivali dell'Hackathon, provenienti davvero da tutta Italia, sono stati i seguenti: Itis Recanati (Recanati), Colonello Team (Terni), ESPertone (Sicilia), Telemaco (Chioggia), Archimede 4.0 (Bologna), Fleah (Milano), Ivan (Sondrio), ESPMQTT (Piacenza), Robike Locky (Padova), Dispensertino (Pavia), Staff Cube (Milano), Rodolfo Saraceni (Ancona).

L'Hackathon in pieno svolgimento

I tecnici hanno lavorato anche la notte, concedendosi davvero poco riposo e molti caffé. Il tempo a disposizione è stato davvero prezioso e si è dovuto utilizzarlo con molta cura. Dopo ampia discussione la giuria ha decretato, come vincitore, la squadra Fleah che ha presentato un sistema intelligente di gestione delle prese elettriche. Scegliere il team vincitore non è stato semplice. Si tratta di un progetto speciale di domotica e ve ne parleremo nei prossimi giorni. Ma alla fine ce l'abbiamo fatta, ha vinto il migliore, con la conferma anche dal calore degli applausi di tutti i partecipanti. A ogni modo i primi cinque classificati avranno anche la possibilità di pubblicare il loro progetto sulla nostra rivista EOS-Book.

Il team "Fleah" vince il primo premio dell'Hackathon su ESPertino

La cosa più bella che ci portiamo dentro è il ricordo degli occhi felici/stupiti dei vincitori e quello degli occhi non delusi dei non vincitori, consapevoli anche loro di avere partecipato a qualcosa d'importante e aver fatto un'esperienza straordinaria. Ma soprattutto, ci portiamo dentro tutto l'entusiasmo e l'energia che ventiquattro ragazzi hanno saputo trasmettere e che abbiamo preziosamente accumulato per poi trasferirla su nuove attività, nuovi progetti, nuove sfide.

Foto di gruppo

Ecco il vero spirito dell'Hackathon al Campus Party: amicizia, serenità e allegria

Lo spirito dell'Hackathon è stato, dunque, ampiamente rispettato. Per tutta la durata della gara ha regnato esclusivamente un clima di serenità, amicizia e allegria. Mai un episodio di nervosismo o di lamentela, solo tanta distensione e armonia, sebbene i lavori di sviluppo e di progettazione fossero realmente faticosi.

Appuntamento rinnovato al prossimo Campus Party Italia

Con tutti questi fantastici risultati non possiamo non pensare a organizzarci per il prossimo evento del Campus Party, consapevoli che tanto è stato fatto e, con l'esperienza accumulata della presente edizione, possiamo solo migliorarci.

Grazie a tutti e appuntamento al prossimo Campus Party Italia.

4 Commenti

  1. Andrea Garrapa Andrea Garrapa 26 luglio 2017
  2. Giovanni Di Maria Giovanni Di Maria 26 luglio 2017
  3. Lumeo 26 luglio 2017
  4. Doc77 Doc77 27 luglio 2017

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *