Blockchain technology a supporto dell’intelligenza artificiale decentralizzata

La blockchain technology che sappiamo essere un database transazionale, si configura come un vero e proprio metodo di distribuzione delle informazioni oltre che come un’infrastruttura tecnologica a più livelli. Può inoltre essere applicata ed implementata anche agli algoritmi di auto apprendimento alla base dell’Intelligenza Artificiale (IA o AI) e dei principi che la governano. Il valore ed il potere dirompente dell'Intelligenza Artificiale, in termini di potenzialità ed applicabilità, sta crescendo ogni anno e presto dominerà Internet, così come l'economia nel suo complesso.

INTRODUZIONE

Il sistema decentralizzato della tecnologia blockchain è antitetico al sistema di funzionamento intrinsecamente centralizzato. La blockchain, come descritto nei precedenti articoli, è un database transazionale distribuito su nodi e basato sul collegamento diretto tra computer secondo la logica Peer To Peer. I dati contenuti nel database sono suddivisi in blocchi che vengono inseriti in una catena di transazioni e che formano una sequenza lineare nel tempo. Utilizzando una forma di architettura di database decentralizzata, la registrazione e l'autenticazione di determinate operazioni e transazioni, dipendono dall'accordo di più parti piuttosto che da un'unica autorità centrale. Rispetto ad altre tecnologie centralizzate, la blockchain rende le operazioni più sicure, ma anche più veloci e trasparenti. L'impatto di questa tecnologia è stato sperimentato nel settore finanziario già con criptovalute come Bitcoin, Ether e Litecoin. Alla base della blockchain ci sono delle funzionalità più o meno complesse che ne stabiliscono il funzionamento e le caratteristiche, ed è proprio la conoscenza di tali funzionalità e delle tecnologie che ne stanno dietro, a rendere poco complicato e di facile assimilazione il concetto di blockchain anche da parte di chi non è un esperto del settore. A livello pratico siamo infatti spesso portati ad usare abitualmente tecnologie anche se non ne conosciamo il funzionamento che ne è alla base, ma non per questo poniamo dei limiti al loro utilizzo. Spesso però, erroneamente, si tende a vedere la sfera di azione della blockchain, pensata appartenente solo ed esclusivamente alla criptovaluta Bitcoin, tuttavia la realtà è molto diversa, perché la blockchain è una tecnologia altamente flessibile e versatile, dal momento che è giunta ad un livello di maturazione tale da poter essere implementata anche al di fuori della moneta virtuale Bitcoin. Stiamo parlando di tutte quelle applicazioni decentralizzate o Apps, di piattaforme open source che permettono di costruire senza troppe difficoltà delle blockchain private, dell’uso della blockchain a supporto delle tecniche di Intelligenza Artificiale, e molti altri utilizzi che analizzeremo negli articoli successivi. Il progresso e la diffusione su larga scala dell’IA dipende dalla disponibilità di dati provenienti da fonti diversificate. Anche se molte aziende hanno accesso a grandi fonti di dati che possono rivelarsi utili per molti processi di Intelligenza Artificiale, questi dati non sono accessibili sul mercato. La blockchain mira quindi a superare questo limite introducendo il concetto di connessione Peer-to-Peer. Poiché è un registro aperto e distribuito, i dati diventano accessibili a tutti sulla rete. Negli ultimi anni il concetto di blockchain privata è diventato molto diffuso nella più ampia discussione sulla tecnologia blockchain. Essenzialmente, invece di avere una macchina di rete completamente pubblica ed incontrollata, è anche possibile creare un sistema in cui i permessi di accesso sono controllati più strettamente, con diritti di modifica limitati a pochi utenti, pur mantenendo molti tipi di garanzie parziali di autenticità e decentralizzazione fornite dalla blockchain. Tali sistemi sono stati oggetto di interesse primario da parte di aziende private ed istituzioni finanziarie. [...]

ATTENZIONE: quello che hai appena letto è solo un estratto, l'Articolo Tecnico completo è composto da ben 2147 parole ed è riservato agli abbonati MAKER. Con l'Abbonamento avrai anche accesso a tutti gli altri Articoli Tecnici MAKER e potrai fare il download (PDF) dell'EOS-Book del mese. ABBONATI ORA, è semplice e sicuro.

Abbonati alle riviste di elettronica

Scrivi un commento

EOS-Academy
Abbonati ora!