L’intelligenza artificiale è il nostro futuro. Ma migliorerà o distruggerà l’umanità?

L'intelligenza artificiale (AI o IA) ha un potenziale enorme in grado di trasformare il mondo in molti aspetti commerciali ed industriali. Molti esperti non sono d'accordo sul tipo di effetto che la trasformazione avrà sulla persona media. Alcuni credono che gli esseri umani saranno molto meglio nelle mani di sistemi avanzati di intelligenza artificiale, mentre altri pensano che porteranno alla nostra inevitabile rovina.

La diffidenza che circonda la tecnologia non è nuova. Diverse storie di fantascienza tratte da film come Matrix hanno visto il susseguirsi di trame incentrate su un concetto chiamato "la Singolarità", il momento in cui le IA diventano più intelligenti dei loro creatori umani. Gli scenari sono diversi, ma spesso finiscono con l'estirpazione totale della razza umana. Il concetto di singolarità tecnologica si basa sull'idea che il pensiero umano non può evolversi abbastanza velocemente per stare al passo con la tecnologia.

Molti esperti di tecnologia di fama mondiale hanno parlato delle loro paure di IA. Il fisico teorico Stephen Hawking ha espresso le sue paure: se i robot diventassero più intelligenti degli umani, sarebbero in grado di creare armi inimmaginabili e manipolare i leader umani con facilità portando a gravi pericoli; gli esseri umani non potrebbero competere e sarebbero superati visti anche i suoi limiti derivanti dalla lenta evoluzione biologica.

Molti ricercatori pensano che in futuro saremo in grado di potenziare noi stessi con i computer e migliorare molte delle nostre capacità naturali. Sebbene molti di questi possibili miglioramenti del cyborg vengano aggiunti per comodità, altri potrebbero avere uno scopo più pratico, riducendo in modo significativo i limiti a cui gli amputati si confrontano quotidianamente. I robot "di casa" potrebbero aiutare gli anziani con le attività quotidiane e consentire loro di rimanere indipendenti nelle loro case il più a lungo possibile, il che migliora il loro benessere generale.

Molti produttori del settore automotive e istituti di ricerca sono in competizione per creare auto senza conducente. Mentre attualmente queste auto possono guidare per la maggior parte del tempo, rimangono molte sfide nell'affrontare eventi casuali del mondo reale come lavori in corso, incidenti e altri blocchi. Ottimizzando le conoscenze necessarie in tutti i settori, come l'assistenza ai medici nella comprensione dei dati, o aiutando gli studenti a capire come apprendere in modo più efficace, l'IA sarà essenzialmente un motore di ricerca più intelligente ed estremamente efficiente in grado di fornire informazioni uniche necessarie a ogni individuo.

Elon Musk, fondatore e CEO di Space Exploration Technologies, descrive l'IA come una "minaccia esistenziale" per l'umanità. Questo si lega ad alcune idee che cercano di dare una spiegazione sul fatto che non abbiamo mai incontrato civiltà aliene. È del tutto possibile che la ragione per cui non abbiamo mai incontrato gli alieni è perché hanno inventato l'intelligenza artificiale prima di poter costruire astronavi capaci di viaggi interstellari, e quella scoperta ha causato la loro estinzione.

Sebbene non conosciamo il futuro esatto, è abbastanza evidente che l'interazione con l'IA diventerà presto un'attività quotidiana. Queste interazioni aiuteranno chiaramente la nostra società ad evolversi. Bisognerà capire in che modo e come influenzerà sullo sviluppo dell'uomo considerando che molte attività intellettuali verranno meno grazie proprio all'intelligenza artificiale.

 

 

 

Una risposta

  1. Riccardo Ventrella Riccardo Ventrella 21 maggio 2018

Scrivi un commento

EOS-Academy
Abbonati ora!