EOS

QLEDs nuova generazione di led per l’illuminazione

QLED. Il settore dell’illuminazione è oltre che competitivo sempre impegnato nello studio e progettazione di LED che siano più efficienti, più luminosi, meno costosi e abbiamo consumi inferiori. È una gara che impegna tutti quanti nella ricerca dell’ultimo ritrovato, della nuova applicazione, del miglioramento della tecnologia. Ottengono così prodotti sempre all’avanguardia che rimpiazzano quelli vecchi.

I led più conosciuti che stanno invadendo il mercato sono i Led standard e gli OLED, led organici. Non si sente ancora molto parlare dei LED Quantum Dot abbreviati in QLEDs QD. Questi led di ultima generazione impiegano come materiale luminescente dei nano cristalli semiconduttori chiamati quantum dots.

Vantaggi dei QLEDs

Questi QLEDs sono nella forma simili agli OLED e possono essere integrati su ampie superfici flessibili. A differenza di quelli di silicio, un materiale semiconduttore inorganico, questi QLEDs raggiungono la maggior potenza quando vengono utilizzati, cioè quando devono illuminare. Il loro modo di funzionare a pieno regime solamente nel momento in cui fanno luce dà modo di risparmiare notevolmente ed avere un consumo energetico inferiore. Sono perfetti per i display, specialmente dei prodotti portatili che con questi conservano più a lungo la carica della batteria.

QLED: Caratteristiche che li differenziano dagli altri LED

Come prima cosa non sono sensibili come gli altri all’umidità e il degrado delle particelle emettitrici di luci è decisamente più lento. Grazie alla loro conformazione consentono di dar vita a prodotti di dimensioni ancor più ridotte e possono sostituire i LED e gli OLED in tutti i campi tranne quello della ristrutturazione di un impianto di illuminazione già esistente. Più i punti di QLEDs sono piccoli più sono in grado di fornire energia e di fornire varietà di colore.

Le novità

Leader nel settore dei QLEDs è la società QD Vision, impegnata nella ricerca. Inizialmente i suoi led erano adatti solo alle applicazioni monocromatiche nei display e nel campo degli infrarossi per prodotti che consentivano la visione notturna. Secondo quanto affermato dalla società i QLEDs sono in grado soddisfare, ma anche di superare il sistema NTSC che fornisce standard di colore, inoltre con questi QLEDs è possibile produrre schermi ultra sottili, trasparenti, ma anche flessibili, particolare non da poco. Se i piegati in piccoli display portatili potrebbero garantire la loro lunga durata. Ad esempio non è raro che cellulari, smartphone e prodotti di questo genere possano subire danni allo schermo cadendo. L’impiego dei QLEDs pare possa anche garantire dei costi di produzione inferiori. La QD Vision rende nota anche che stanno sviluppando delle tecniche di stampa per produrre i quantum-dot a matrice attiva a colori e componenti di illuminazione.

Collaborazioni

Lo scorso dicembre la LG Dispaly aveva annunciato che collaborerà con la QD Vision per la realizzazione di schermi che impiegano i QLEds dato che questi hanno una più ricca tavolozza di colori e una maggior precisione, vicina alle dimensioni microscopiche. Oltretutto questi schermi avranno consumi ancora inferiori a quelli prodotti attualmente con LED e OLED e avranno anche costi di produzione inferiori. Questa nuova generazione di LED potrebbe soppiantare tutti gli altri tipi di led nell’illuminazione, ma anche negli altri impieghi.

STAMPA     Tags:

6 Commenti

  1. Alex87ai 29 aprile 2011
  2. Giovanni Giomini Figliozzi 29 aprile 2011
  3. fra83 29 aprile 2011
  4. Antonio Mangiardi 29 aprile 2011
  5. linus 29 aprile 2011
  6. marina.galatioto 2 maggio 2011

Scrivi un commento

EOS