Raspberry Pi vs Arduino: quale è meglio

Raspberry Pi oppure Arduino: quale è meglio dei due? C'è un vincitore fra i due? Questa domanda dura a morire ha una risposta, ma non è affatto scontata. Non è neanche semplice rispondere in poche righe: per questo ho voluto scrivere questo articolo.

Prima di cominciare, permettimi di presentarmi: sono Lorenzo Neri: chief education officer di Elettronica Open Source, mi occupo di realizzare contenuti educativi per aiutare persone come te a comprendere meglio questo mondo!

Una guerra senza fondamento: Raspberry Pi vs Arduino

Questa guerra, che lascia ancora diverse persone con il dilemma aperto su chi sia meglio, in realtà è senza fondamento.

È giusto fare una precisazione: Raspberry Pi e Arduino sono uno meglio dell'altro.

Ma è giusto fare una seconda precisazione: quale è meglio? Dipende da cosa devi farci tu.

Queste due precisazioni è giusto fartele, perché è molto probabile che tu stia chiedendo a te stesso quale modello sia meglio comprare, se è più giusto studiarne uno piuttosto che l'altro, ma la realtà è che devi chiederti cosa ci vuoi fare.

Raspberry Pi: quando è meglio lui

Partiamo dal presupposto che Raspberry Pi è un computer "single board". In parole povere è un computer condensato in una singola scheda.

Se tra le tue necessità c'è quella di eseguire più programmi in parallelo, Raspberry Pi è una scelta obbligata: Arduino non permette di fare il multitasking, ma su questo ci torneremo dopo.

Abbiamo capito che Raspberry Pi è un computer a tutti gli effetti perciò offre una grande potenza di calcolo.

Questo cosa significa? Se devi eseguire calcoli complessi, robot dotati di Intelligenza Artificiale, sistemi IoT distribuiti o progetti che hanno bisogno di tante risorse hardware... Raspberry Pi è la tua scelta.

Ne ho anche parlato in questo articolo, se desideri approfondire: "Cosa puoi fare con Raspberry Pi".

Tuttavia, Raspberry Pi non è affatto la scelta giusta se devi realizzare progetti piccoli, che non hanno bisogno del multitasking o devono consumare poca corrente.

Uno dei "Talloni d'Achille" di Raspberry Pi è il consumo di corrente: se paragonato ad Arduino.

Raspberry Pi, però, ti permette di gestire più dispositivi, anzi: di controllare una rete vera e propria di dispositivi.

Ma non solo.

Ricordati che Raspberry Pi è un computer a tutti gli effetti, perciò hai a tua disposizione un'interfaccia grafica: Arduino no.

Arduino: quando invece è meglio lui

Arduino, sempre meglio precisarlo, è una scheda a micro-controllore.

Questo significa che non ha tanta potenza di calcolo, ha pochissima memoria (sia RAM sia ROM), ma soprattutto rispetto a Raspberry Pi non offre il multitasking poiché le sue potenzialità hardware sono davvero ridotte.

Questo, però, non è affatto un male: significa consumi più ridotti e se il tuo progetto è stato pensato per avere un'autonomia prolungata, come ad esempio una stazione meteo.

Non solo: ti dicevo prima che Raspberry Pi offre tanta potenza di calcolo, a volte anche troppa.

Se nella tua mente c'è la realizzazione di un progetto semplice, come ad esempio controllare l'apertura di un cancello oppure un robot come ad esempio R2D2 di Star Wars Arduino fa al caso tuo.

Per realizzare progetti elettronici dove non sono necessarie una grande potenza di calcolo, multitasking, Arduino è la scelta più opportuna.

Come ho detto prima, però, Arduino non va bene se è tua intenzione per esempio realizzare soluzioni complesse e dotate magari di interfacce grafiche.

Puoi senza dubbio creare applicazioni e/o interfacce web per mettere in comunicazione Arduino con il tuo smartphone, oppure con un sito web, ma questi non saranno mai su Arduino: saranno software che comunicano con esso.

Scarica subito una copia gratis

3 Commenti

  1. Mariangela.Mone 30 Aprile 2021
    • Lorenzo Neri 30 Aprile 2021
  2. Mariangela.Mone 30 Aprile 2021

Scrivi un commento

Seguici anche sul tuo Social Network preferito!

Send this to a friend